La spremuta - Rosarno, migranti, 'ndrangheta

uno spettacolo

di e con Beppe Casales

 

lo spettacolo è stato prodotto in collaborazione con Narramondo Teatro

è patrocinato da Libera e rete RADICI/Rosarno

e fa parte di TEATROCIVILENETWORK un progetto di AVVISO PUBBLICO

è stato selezionato per la "Giornata della Memoria e dell'Impegno

in ricordo di tutte le vittime innocenti delle mafie" 2012 e 2013

e per il Torino Fringe Festival 2013

lo spettacolo ha vinto il premio "LiNUTILE DEL TEATRO" 2013

 

lo spettacolo ha superato le 150 repliche in tutta Italia

 

Il 7 gennaio 2010 i migranti che lavorano a Rosarno si ribellano. Gli africani dopo anni di violenze e sfruttamento reagiscono, fanno ciò che gli italiani non fanno da anni: alzano la testa. In due giorni si consuma tutto: scontri con la polizia, la caccia al nero, e infine lo sgombero. I media nazionali sottolineano che la mafia non c'entra. Ma dire che la mafia non c'entra in Calabria è una bugia. La mafia c'entra eccome, non solo in Calabria.

Nei fatti di Rosarno si concentrano tre nodi fondamentali che stringono al collo l'Italia, e che prima o poi bisognerà avere il coraggio di sciogliere: il rapporto coi migranti, la mafia e il concetto di lavoro. L'Italia è spremuta da mani violente, da molte mani. Il coraggio di chi non vuole più girare la testa, di chi pensa che vivere esiga più dignità deve essere imitato, non temuto.

RASSEGNA STAMPA DELLO SPETTACOLO

 

TURNE' DELLO SPETTACOLO

 

ascolta l'audio dell'intervista su "La spremuta" per Piazza Verdi a Radio Tre

 

ascolta l'audio dell'intervista su "La spremuta" per Radio DirittoZero