Biografia

Beppe Casales lavora come attore professionista dal 1998. Ha lavorato tra gli altri con Toni Servillo, Anna Bonaiuto, Michela Cescon, Mirko Artuso. Dagli anni 2000 la sua ricerca artistica si concentra sul teatro di narrazione, un teatro popolare. Seguendo una continua ricerca di un linguaggio originale ha messo in scena “Salud”, “Einstein aveva ragione”, “Appunti per la rivoluzione”, “La spremuta - Rosarno, migranti, 'ndrangheta” (selezionato per il Torino Fringe Festival 2013 e vincitore del premio “LiNUTILE del teatro” 2013), "L'albero storto - una storia di trincea" (selezionato come miglior drammaturgia e finalista al Fringe Festival di Roma), "Welcome" (patrocinato da Amnesty International Italia), "Nazieuropa" (vincitore del bando Theatrical Mass 2019) e "Cara professoressa".

Ha fatto parte di CRISI, laboratorio di scrittura permanente a cura di Fausto Paravidino, progetto del Teatro Valle Occupato.

 

Riconoscimenti:

Vince il Bando Theatrical Mass 2019 e viene selezionato per il Festival nazionale del teatro di resistenza 2019 dell'Istituto Cervi con "Nazieuropa".

 

"Miglior drammaturgia" e semifinalista al Roma Fringe Festival con lo spettacolo "L'ALBERO STORTO".

 

Selezionato per il progetto NDN – Network Drammaturgia Nuova 2015, condotto da Michele Santeramo e promosso da Wonderland Festival/ResidenzaIDRA, Kilowatt festival, Campo Teatrale, Officina culturale DISTRETTO CREATIVO/20Chiavi Teatro, L’Arboreto/TEATRO DIMORA, Centro Nazionale di Drammaturgia Contemporanea.

 

Vincitore del premio nazionale “Linutile del teatro 2013” con lo spettacolo “La spremuta”.

CURRICULUM COMPLETO

 

 

Un'intervista per il blog Dialoghi Resistenti: https://dialoghiresistenti.wordpress.com/2015/10/23/beppe-casales/

 

Un'intervista per il sito Che storie: http://www.chestorie.com/che-storie/intervistaconbeppecasales/

 

Il mio intervento per la rivista in lingua spagnola "Zibaldone. Estudios italianos":

http://media.wix.com/ugd/b5b5ec_67ae4b6ea6ad46ed8006e06543f9c58b.pdf